Splashscreen
Logo

Storia di Oggi

Nel corso degli anni Tenuta La Badiola è stata smembrata ed è passata nelle mani di diverse proprietà, subendo numerose trasformazioni. Nel 2000, il cuore della Tenuta è stato acquistato dalla famiglia Moretti che ha preservato la Tenuta e la villa leopoldina dall’incuria del tempo.

Il progetto di Leopoldo II di Lorena trova così nuova espressione nel concretissimo sogno di Vittorio Moretti, imprenditore della Franciacorta, rinomata zona di produzione vitivinicola, il quale ha saputo raccogliere - due secoli dopo - l’eredità morale e “imprenditoriale” di Leopoldo II, al quale lo accumuna un amore appassionato per questa Toscana appartata, diversa e piena di fascino.

Un amore, una passione che tuttavia sa, e vuole, mettersi al lavoro, con l’obiettivo di far scaturire da questi luoghi tutto il bello e il buono che qui, da tempi immemorabili, attendono un magico disvelamento.

Con questo sogno nel cuore, Vittorio Moretti, insieme alla figlia Carmen e al genero Martino de Rosa, ha voluto ricostruire tutti gli edifici dell’antico borgo lorenese, convertendo la villa del Granduca in quello che sarebbe diventato il primo auberge di Alain Ducasse in Italia, l’hotel L’Andana.

Grazie al loro contagioso entusiasmo, sostenuto dall’incanto irresistibile di questi paesaggi, i Moretti hanno saputo far innamorare della Tenuta e del suo progetto di rinascita il grande chef francese, il quale aveva più volte dichiarato: “Jamais in Italie!”.

Così Alain Ducasse ricorda il momento in cui dovette ricredersi: “È stato un incontro tanto fortuito, quanto fortunato: ho conosciuto Vittorio Moretti e Martino de Rosa a casa di amici comuni. Raccontavano di questa tenuta in Maremma, di come fosse già perfetta per realizzare qualcosa di raro per l’ospitalità d’eccellenza e ho capito che avevamo molte idee in comune.Dopo aver visto il luogo, ricco di storia e suggestioni, è stato inevitabile unirmi a loro.”
Così nel 2004, grazie alla joint venture italo-francese che vede affiancarsi i gruppi Terra Moretti e Alain Ducasse, apre per la prima volta le proprie porte l’Andana, struttura a cinque stelle in cui Ducasse ha trasferito la sua passione per il mestiere di ‘aubergiste’ che, a suo parere, “ richiede un sapere estremamente sottile: essere capaci di organizzare l’incontro tra una storia e una sensazione”. A questo primo nucleo si aggiunge nel 2010 Casa Badiola, 14 camere e suite con vista sul green e sulle colline d’intorno, costruite su misura per le famiglie, gli appassionati di golf e gli amanti della natura.

La famiglia Moretti ha dato ampio sviluppo anche al progetto vitivinicolo, aggiungendo alla benedizione dell’acqua, rappresentata dalla sorgente dell’Acquagiusta che scorre sotto la tenuta, la benedizione del vino e dell’olio. Nei 500 ettari della Tenuta, ha preso vita l’omonima cantina Tenuta La Badiola, che dai 30 ettari di vigne produce un bianco, un rosato e un rosso denominati “Acquagiusta”.

E ancora, dall’oliveto Badiola, già piantato ai tempi di Leopoldo II, si estrae un extravergine speciale, dal nome And’Olio, nel quale è possibile ritrovare i sentori più autentici della macchia mediterranea che veste queste colline. Un allevamento di vacche maremmane riporta la tenuta alla sua antica vocazione di borgo residenziale e lavorativo che mutua dalla natura i tratti della sua identità.

E con Vittorio Moretti e Alain Ducasse è come se si fosse rinnovata la magia della prima occhiata di Leopoldo II di Lorena: tutti loro hanno saputo vedere ciò che ancora non appariva.

A legare, lungo le pagine della storia, queste tre figure fondamentali, non si devono dimenticare i tanti uomini che hanno contribuito con il loro lavoro quotidiano alla fortuna di questa terra amata e generosa, che ha saputo trasformarsi nei secoli senza mai perdere identità e bellezza.

Il Gruppo Alain Ducasse si dedica ai piaceri della gastronomia e dell’ospitalità per rispondere alle esigenze di una nuova clientela, diversa, mobile e mondiale. Alain Ducasse è il più celebre chef francese, capace di coniugare le ricette della tradizione con le innovazioni della “nouvelle cuisine”. Cresciuto in Guascogna ed iniziato all’arte culinaria nella scuola alberghiera di Bordeaux, Ducasse vanta una collezione di ben 33 stelle Michelin in 28 ristoranti.

La sua filosofia si basa sull’utilizzo di ingredienti e prodotti naturali e sulla loro interpretazione in piatti capaci di stuzzicare il palato con un mix vincente di sapori tradizionali e sperimentazione culinaria. Nell’Andana, egli ha trasferito la sua passione per il mestiere di “aubergiste” (ospite – ostelliere) che a suo parere “richiede un sapere estremamente sottile: essere capaci di organizzare l’incontro tra una storia e una sensazione”.
Alain Ducasse è presidente del resort L’Andana.

Holding Terra Moretti: Nel 1996, un’idea che prendeva forma riceve un nome e, appena nominata, esiste, comunica se stessa. Terra Moretti indica, innanzitutto, un luogo, legato a una famiglia della Franciacorta, a una storia diventate tante. È territorio e sogni di chi l’ha pensata, il risultato di uno sforzo quotidiano di immaginazione  e di tenacia.

Terra, però, non suggerisce solo il posto delle radici, che coincidono con la collina di Bellavista, una delle prime sopra Erbusco, ma un desiderio di orizzonte, di respiro. Amata terra, madre, vasta abbastanza da contenere la possibilità di andare e tornare, seminando idee, trovando altri luoghi, altre imprese. Accompagnati dalla curiosità di migliori incontri, di persone diverse, capaci però di diventare immediatamente familiari, appena risulti chiara un’affinità di sguardi.

Qui è la condizione indispensabile per sentirsi felici anche altrove. Vittorio Moretti lo ha affermato nei fatti, dando alla voglia di fare una prospettiva che non dimentica mai il suo punto di partenza. Cercare l’unicità significa porre sullo stesso piano la capacità progettuale e il rispetto della tradizione, trasformando ciò che già esiste, avendone visto o addirittura sorpreso il suo reale valore.

Per questi motivi, Terra Moretti riunisce in sé luoghi, servizi e prodotti dove ciò che è buono e utile s’apparenta con un desiderio di bellezza, di durata, in cui la qualità diventa al tempo stesso strumento e fine, azione quotidiana.

Alla holding Terra Moretti fanno capo 11 aziende che operano in quattro settori di attività distinti e complementari:

  • le costruzioni: Moretti Industria delle Costruzioni con le sue controllate Moretti Prefabbricati, Moretti Interholz, Moretti Contract e Moretti Real Estate
  • i cantieri nautici: Maxi Dolphin
  • le cantine: Bellavista, Contadi Castaldi, Petra, Tenuta La Badiola
  • i resort: L’Albereta, L’Andana e Casa Badiola Golf House

 

Un organismo complesso che coinvolge persone organizzate e motivate per dare il meglio di sé, raggiungendo con il proprio lavoro quella sicurezza e quella soddisfazione che rappresentano l’unica misura certa del successo personale e aziendale.

Senso di responsabilità, spirito d’iniziativa, convinzione sono i valori condivisi, l’energia necessaria per trovare le soluzioni migliori, per innovare e rinnovarsi costantemente.